Attualità di Redazione , 08/04/2021 9:55

Primo monitoraggio sui vaccinati: nessun cambiamento nella coagulazione del sangue

Indagine sui vaccinati

A breve partirà una vasta indagine a livello nazionale sulle persone che saranno sottoposte a vaccino anti-covid. Nel frattempo in Veneto il professor Paolo Simioni, direttore della Medicina generale ad indirizzo trombotico ed emorragico all'azienda ospedaliera di Padova, ha condotto una prima ricerca su 250 soggetti tra i 30 e gli 80 anni, vaccinati con Pfizer, Moderna e Astrazeneca. “Sono stati sottoposti - ha spiegato il prof. Simioni al Corriere del Veneto - a prelievo di sangue prima e dopo la somministrazione del vaccino e siccome molti degli eventi avversi sono emersi a partire dai 15 giorni successivi all’inoculazione, li stiamo tenendo d’occhio da due mesi. Finora nessuno ha evidenziato variazioni dei parametri della coagulazione, nè altre complicanze. Da questo monitoraggio, limitato e privo di valenza scientifica, emerge che la vaccinazione non induce un incremento del rischio di trombosi. Però attendiamo di poterlo confermare con una vera e propria ricerca”.